CORSO DI DIZIONE: VOCALE E APERTA E CHIUSA

PAROLE CON LA VOCALE E APERTA

CORSO DI DIZIONE – LA VOCALE “E” HA IL SUONO APERTO NEI SEGUENTI CASI:

  • NEL DITTONGO “IE”:

carabinière – giocolière – forestièro – negrièro – piède – brughièra

  • FANNO ECCEZIONE:

chiérico, chiérica, bigliétto; i termini di origine geografica come: marsiglièse, ateniése; i diminutivi in -etta, etto, -ette: vecchiétto (a), macchiétta, magliétta, armadiétto.

  • NEI VOCABOLI DI ORIGINE STRANIERA CHE TERMINANO IN CONSONANTE TRA CUI:

motèl, sèltz – sexy – tèlex – tèst – unisèx

  • QUANDO PRECEDE UN’ALTRA VOCALE:

giubilèo, Taddèo – plebèo – vorrèi – riderèi – Romèo – manichèo – dèi -nei

  • FANNO ECCEZIONE:

credéi – perdéi – déi (prep. art.) – néi (prep.art.)

  • NEL CONDIZIONALE (terza singolare e plurale)

saprèbbe – saprèbbero – terèbbe – terrèbbero – sarèbbe – sarèbbero

  • NELLE DESINENZE IN – EBILE:

indelèbile – flèbile

  • NELLE DESINENZE IN – EDINE:

acrèdine – pinguèdine – rèdine – salsèdine

  • NEI CASI IN CUI LA “E” SU CUI CADE L’ACCENTO E’ SEGUITA DA UNA CONSONANTE E DA DUE VOCALI:

assèdio – deletèrio – Grècia – Malèsia – misèria – matèria – pomèrio – vitupèrio

  • FANNO ECCEZIONE:

dilèguo – prosèguo – strègua – trègua – frègio – sfrègio

IMPARA LA DIZIONE PERFETTA

ISCRIVITI AI CORSI DI DIZIONE

VUOI AVERE INFORMAZIONI SUL CORSO?
SCRIVI UN MESSAGGIO SU WHATSAPP

3928611228

CORSO DI DIZIONE – LA VOCALE “E” HA IL SUONO APERTO NEI SEGUENTI CASI:

  • NELLE DESINENZE DEL GERUNDIO:

proponèndo – discutèndo – dicèndo – cadènte – ponènte – renitènte

  • NELLE DESINENZE DEL PARTICIPIO PRESENTE:

agènte – tenènte – vigènte – cadènte – ponènte – renitènte

  • NELLE DESINENZE IN – ECOLO, – ECOLA:

trasècolo – molècola – fècola – bazzècola

  • NELLE DESINENZE IN – ELLO, – ELLA:

caramèlla – Donatèlla – gemello – grimaldèllo – Ornèlla – tarantèlla – vinèllo – zitèlla

  • FANNO ECCEZIONE:

quéllo – quélla – délla – nélla (prep. art.) – capéllo – stélla

  • NELLE DESINENZE IN – ENDO, -ENDA, -ENDE, -ENDI.

dividèndo – ammènda – orrèndo – bènda – stupèndo

  • FANNO ECCEZIONE:

véndo – scéndo e composti: rivéndo – ridiscéndo

  • NELLE DESINENZE IN -ENZA:

appartènza – virulènza – violènza – purulènza

  • NELLE DESINENZE IN -ERRIMO:

acèrrimo – celebèrrimo – aspèrrimo

  • NEI NUMERI ORDINALI NELLE DESINENZE IN -ESIMO:

centèsimo – dodicèsimo – ennèsimo – millèsimo – milionèsimo

  • FANNO ECCEZIONE GLI ALTRI VOCABOLI CHE FINISCONO IN -ESIMO, -ESIMA:

battésimo – medésimo – incantésimo – cristianésimo – feudalésimo – quarésima – urbanésimo

  • L’ECCEZIONE DELLE ECCEZIONI E’ IL VOCABOLO:

crèsima

  • NELLE DESINENZE IN -ETO, -ETA, -ETE:

amulèto – ascèta – analfabèta – profèta – prète – zèta

  • FANNO ECCEZIONE:

créta – cométa – réte – méta

  • IN UNA SERIE DI PAROLE ISOLATE COME:

algèbrico – atlètica – cèfalo – dèlega – èremo – fètido – gèmito – idèntico – lucèrtola – metèora – nutèlla – ocèano – pèndolo – prènsile – quèrulo – rèsina – rètina – trèmulo – trigèsimo – sèmpre – vèrtice – zènzero

VUOI AVERE INFORMAZIONI SUL CORSO?
SCRIVI UN MESSAGGIO SU WHATSAPP

3928611228

SEGUI GLI INSEGNAMENTI
DI UNO SPEAKER PROFESSIONISTA